L’italia è in linea con il target di emissioni del protocollo di Kyoto

CO2 –

Secondo Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, il nostro Paese è vicino alla quota di 485,5 Mton previste. Ma la vera sfida ci attende nel 2020

Proprio nel giorno dell’ultimo compleanno del protocollo di Kyoto – che scade quest’anno – arrivano buone notizie per il nostro Paese. Secondo il presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, Edo Ronchi, infatti, l’Italia si avvia a rispettare il target di riduzione delle emissioni di CO2 (meno 6,5% rispetto al 1990) previsto dall’accordo. «La media delle emissioni dell’ultimo triennio 2009-2011 – osserva Ronchi – è in linea con l’obiettivo italiano. Includendo nella media anche il valore, ancora alto, del 2008 e una previsione del 2012, arriviamo a livelli di non molto superiori alla media prevista dal nostro obbiettivo 2008-2012 di Kyoto».

Come ricorda Ronchi, il target di emissioni di CO2 previsto da Kyoto per l’ Italia è di 485,5 Mton (Mega tonnellate,  milioni di tonnellate), cui si devono aggiungere 10,2 Mton di CO2 di assorbimenti e 1,1 Mton derivanti dai meccanismi flessibili, che portano il totale delle emissioni previste dal Protocollo a 496, 8 Mton CO2. Dopo un 2008 in crescita, la tendenza italiana è stata verso la diminuzione, certamente influenzata dalla crisi economica, con l’eccezione del 2010: 491,7 Mton nel 2009, 502, 6 Mton nel 2010 e una stima di 485-490 Mton nel 2011, basata sia sui dati provvisori dei consumi energetici, sia sulle flessioni nei consumi dei trasporti e dell’industria nella parte finale dell’anno, sia sul significativo incremento della produzione di elettricità da fonti rinnovabili.
«I dati dei trend in atto – osserva Ronchi- indicano quindi una tendenza, almeno nei 3 anni compresi fra il 2009 e il 2011, ad un livello di emissioni dell’Italia in linea con il suo obiettivo per il Protocollo di Kyoto. Non è da escludere che una più consistente riduzione delle emissioni che risultasse dal consuntivo finale del 2011 e un proseguimento della riduzione anche nel 2012, possano consentire di assorbire anche l’aumento del 2008».

Ronchi osserva però che l’impegno di riduzione delle emissioni previsto
da Kyoto è limitato e in realtà poco ambizioso: la vera sfida, quindi, è
quella che ci attende di qui al  2020, quando bisognerà andare ben
oltre il “vecchio” Protocollo. «Per il 2020 – sottolinea Ronchi –
dobbiamo affrontare obiettivi, europei, del pacchetto 20-20-20 più
impegnativi, che, per le emissioni potrebbero essere anche aumentati al
30%. Se teniamo presente questo quadro, e quello più a lungo termine dal
2030 al 2050, i trend attuali dell’Italia, benché in linea con Kyoto,
vanno rivisti con politiche e misure ben più coraggiose».

Pubblica i tuoi pensieri