Cerca powered by Google

Energy Manager News

Dall'Italia alla Germania, le associazioni chiedono più aiuto per le rinnovabili
Interventi
Dall'Italia alla Germania, le associazioni chiedono più aiuto per le rinnovabili
Fioccano le lettere ai rispettivi Governi per chiedere la stabilità degli incentivi, soprattutto nel fotovoltaico
07 Marzo 2012
In questo periodo vanno di moda le lettere scritte dalle lobby delle fonti rinnovabili alle istituzioni, per chiedere una retromarcia sui nuovi tagli agli incentivi. L'Italia ha fatto scuola nel fotovoltaico, con le note vicende che hanno interessato il settore dal decreto Romani in poi. Ancora in questi giorni, Asso Energie Future ha diffuso un comunicato per criticare gli effetti “disastrosi” delle norme varate dall'ex ministro dello Sviluppo economico nel 2011. Secondo l’associazione, il fotovoltaico italiano starebbe addirittura “franando”, nonostante il boom d'installazioni del 2011. E la colpa sarebbe proprio del decreto “ammazza rinnovabili”. Tanto da considerare a rischio 10.000 posti di lavoro. Asso Energie Future vorrebbe quindi che l'esecutivo si sforzasse di partorire un Piano energetico nazionale, con un ruolo centrale delle fonti alternative. Un'altra richiesta in tal senso è appena arrivata dal tavolo di lavoro degli enti locali per il clima, (che riunisce varie associazioni come l'Anci, il Coordinamento delle Agende 21 locali Italiane e il Kyoto Club).

La lobby dell'eolico (Anev), di recente, ha sollecitato il Governo a emanare le misure attuative con le regole, le tariffe e gli obiettivi per l'energia del vento nel nostro Paese, sulla scia del decreto 28/2011 (quello di Paolo Romani) sulle fonti rinnovabili. Un'altra associazione, l'Aper, ha imitato i colleghi del vento con una lettera indirizzata ai ministri competenti, chiedendo di rinviare di un anno, al primo gennaio 2014, l'applicazione degli incentivi previsti dal famigerato decreto atutativo, che è ormai in ritrdo di quasi sei mesi. «Si ritiene che tale soluzione sia oggi necessaria al fine di ristabilire certezza e fiducia negli investitori - è il testo della missiva - dando un tempo sufficiente per portare a compimento le iniziative industriali già intraprese con le precedenti regole e pianificare le future, nell'ambito della nuova disciplina incentivante». Il provvedimento ministeriale era atteso a settembre 2011, garantendo così alle aziende un quadro normativo definito e omogeneo per i progetti degli impianti che entreranno in funzione dopo il 31 dicembre 2012.

C'è molto fermento anche in Germania, il primo mercato mondiale del fotovoltaico, per quanto battuto lo scorso anno dall'Italia nella quantità di potenza installata in dodici mesi. Il Governo ha annunciato un taglio anticipato degli incentivi, pari al 20-30%, che sarebbe dovuto scattare già questo mese. Ora sembra che ci sarà un rinvio al primo aprile, grazie a un compromesso tra il ministro dell'Economia Philipp Roesler e quello dell'Ambiente, Norbert Roettgen. Si sta pensando anche di ammorbidire l'impatto delle future tariffe sui grandi impianti, particolarmente penalizzati dalla proposta originaria. Il provvedimento passerà al vaglio parlamentare; feroci sono state le critiche di molti partiti (non solo l'opposizione di Spd e Verdi, ma anche in seno alla maggioranza), oltre che dalle aziende del solare.

Si è mobilitata perfino l'Epia, la lobby europea del fotovoltaico, con una lettera inviata al cancelliere Angela Merkel dal suo presidente, Ingmar Wilhelm. «Nessuno pensa che gli incentivi al solare debbano durare per sempre […] e tutti sanno che questi devono essere definiti con intelligenza e adattati correttamente alle mutevoli condizioni del mercato - si legge nella lettera -. Tuttavia, ciò non significa che gli incentivi vadano ridotti all'improvviso e a livelli insostenibili». Da un lato, l'associazione plaude alla politica energetica tedesca, orientata a far crescere il peso delle rinnovabili. Dall'altro, però, teme gli effetti negativi sull'occupazione e sulla fiducia degli investitori che le nuove tariffe potrebbero determinare.
Novità
Energy Manager News: tutta l'informazione che serve a chi lavora con l'energia

Questo sito si presenta con una nuova denominazione che ci ...

Europarlamento24 EPeople

Con il supporto del Parlamento europeo
Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione Europea nel contesto del programma di sovvenzione del Parlamento Europeo per la comunicazione. Il Parlamento Europeo non ha partecipato alla sua preparazione e in nessun caso è responsabile o vincolato per le informazioni contenute e le opinioni espresse nel contesto del progetto.
In accordo con la legge vigente, gli unici responsabili sono gli autori, le persone intervistate, gli editori o i soggetti di trasmissione. Il Parlamento Europeo non può essere ritenuto responsabile per gli eventuali danni diretti o indiretti che possono scaturire dall'implementazione del progetto.
Vademecum
È disponibile la nuova guida Enea sui Certificati Bianchi Uno strumento che consente agli operatori di presentare proposte corrette per l'ottenimento degli ...
Interventi
La rete elettrica europea alla ricerca di un nuovo equilibrio Un articolo di Franco Rosatelli, di Ansaldo Energia, in vista dell'evento POWER- GEN Europe 2014 che si terrà ...
Vademecum
Risparmiare energia e denaro con solare termico e geotermia Scarica la guida di Mce che spiega cosa sono queste tecnologie e consiglia le scelte più adatte per il loro ...
Case history
Edison Energia gestisce con l'outsourcing i clienti della Pa Dal 2012 Edison Energia ha scelto C-Global, del Gruppo Cedacri, per occuparsi dei processi e delle relazioni ...
Istanze
Fotovoltaico: lettera aperta dalle associazioni al Governo Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta, già pubblicata sul quotidiano La Repubblica il 28 gennaio, con la ...
Nuove frontiere
Gas dagli idrati: in Giappone i primi test di recupero offshore Diffusi negli Stati Uniti i positivi risultati di un esperimento di estrazione di metano dagli idrati marini, ...
Eventi e servizi
49° Convegno internazionale AiCARR Edifici di valore storico: progettare la riqualificaizone. Una panoramica dalle prestazioni energetiche alla qualità dell'aria interna. A Roma il 26-28 febbraio 2014
GNL, un'alternativa energetica efficiente e conveniente Il Gas naturale liquefatto è una fonte energetica ideale per le imprese non allacciate alla rete del metano con un significativo fabbisogno energetico. Per scoprirne le potenzialità, scriviti al webinar gratuito online il prossimo 17 dicembre 2013
Energia del Vento Tecnica, normativa, ambiente e mercato dell'eolico. Un libro a cura di Luciano Pirazzi, segretario scientifico dell'Anev, che indica le potenzialità ancora inespresse nel nostro Paese
Restart-Costruire sul costruito Un roadshow organizzato da Brianza Plastica con il Gruppo 24 ORE focalizzato sul recupero dell'esistente in chiave energetica. Da marzo a giugno 2013, da Milano a Napoli

New Business Media

New Business Media Srl. Tutti i diritti riservati.

Sede legale Via Eritrea 21 - 20157 Milano - Codice fiscale, Partita IVA e Iscrizione al Registro delle imprese di Milano: 08449540965