Cerca powered by Google

Energy Manager News

CO2
L'italia è in linea con il target di emissioni del protocollo di Kyoto
Secondo Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, il nostro Paese è vicino alla quota di 485,5 Mton previste. Ma la vera sfida ci attende nel 2020
16 Febbraio 2012
Proprio nel giorno dell'ultimo compleanno del protocollo di Kyoto - che scade quest'anno - arrivano buone notizie per il nostro Paese. Secondo il presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, Edo Ronchi, infatti, l'Italia si avvia a rispettare il target di riduzione delle emissioni di CO2 (meno 6,5% rispetto al 1990) previsto dall'accordo. «La media delle emissioni dell'ultimo triennio 2009-2011 - osserva Ronchi - è in linea con l'obiettivo italiano. Includendo nella media anche il valore, ancora alto, del 2008 e una previsione del 2012, arriviamo a livelli di non molto superiori alla media prevista dal nostro obbiettivo 2008-2012 di Kyoto».

Come ricorda Ronchi, il target di emissioni di CO2 previsto da Kyoto per l' Italia è di 485,5 Mton (Mega tonnellate,  milioni di tonnellate), cui si devono aggiungere 10,2 Mton di CO2 di assorbimenti e 1,1 Mton derivanti dai meccanismi flessibili, che portano il totale delle emissioni previste dal Protocollo a 496, 8 Mton CO2. Dopo un 2008 in crescita, la tendenza italiana è stata verso la diminuzione, certamente influenzata dalla crisi economica, con l'eccezione del 2010: 491,7 Mton nel 2009, 502, 6 Mton nel 2010 e una stima di 485-490 Mton nel 2011, basata sia sui dati provvisori dei consumi energetici, sia sulle flessioni nei consumi dei trasporti e dell'industria nella parte finale dell'anno, sia sul significativo incremento della produzione di elettricità da fonti rinnovabili.
«I dati dei trend in atto - osserva Ronchi- indicano quindi una tendenza, almeno nei 3 anni compresi fra il 2009 e il 2011, ad un livello di emissioni dell'Italia in linea con il suo obiettivo per il Protocollo di Kyoto. Non è da escludere che una più consistente riduzione delle emissioni che risultasse dal consuntivo finale del 2011 e un proseguimento della riduzione anche nel 2012, possano consentire di assorbire anche l'aumento del 2008».

Ronchi osserva però che l'impegno di riduzione delle emissioni previsto da Kyoto è limitato e in realtà poco ambizioso: la vera sfida, quindi, è quella che ci attende di qui al  2020, quando bisognerà andare ben oltre il "vecchio" Protocollo. «Per il 2020 - sottolinea Ronchi - dobbiamo affrontare obiettivi, europei, del pacchetto 20-20-20 più impegnativi, che, per le emissioni potrebbero essere anche aumentati al 30%. Se teniamo presente questo quadro, e quello più a lungo termine dal 2030 al 2050, i trend attuali dell'Italia, benché in linea con Kyoto, vanno rivisti con politiche e misure ben più coraggiose».

Novità
Energy Manager News: tutta l'informazione che serve a chi lavora con l'energia

Questo sito si presenta con una nuova denominazione che ci ...

Europarlamento24 EPeople

Con il supporto del Parlamento europeo
Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione Europea nel contesto del programma di sovvenzione del Parlamento Europeo per la comunicazione. Il Parlamento Europeo non ha partecipato alla sua preparazione e in nessun caso è responsabile o vincolato per le informazioni contenute e le opinioni espresse nel contesto del progetto.
In accordo con la legge vigente, gli unici responsabili sono gli autori, le persone intervistate, gli editori o i soggetti di trasmissione. Il Parlamento Europeo non può essere ritenuto responsabile per gli eventuali danni diretti o indiretti che possono scaturire dall'implementazione del progetto.
Vademecum
È disponibile la nuova guida Enea sui Certificati Bianchi Uno strumento che consente agli operatori di presentare proposte corrette per l'ottenimento degli ...
Interventi
La rete elettrica europea alla ricerca di un nuovo equilibrio Un articolo di Franco Rosatelli, di Ansaldo Energia, in vista dell'evento POWER- GEN Europe 2014 che si terrà ...
Vademecum
Risparmiare energia e denaro con solare termico e geotermia Scarica la guida di Mce che spiega cosa sono queste tecnologie e consiglia le scelte più adatte per il loro ...
Case history
Edison Energia gestisce con l'outsourcing i clienti della Pa Dal 2012 Edison Energia ha scelto C-Global, del Gruppo Cedacri, per occuparsi dei processi e delle relazioni ...
Istanze
Fotovoltaico: lettera aperta dalle associazioni al Governo Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta, già pubblicata sul quotidiano La Repubblica il 28 gennaio, con la ...
Nuove frontiere
Gas dagli idrati: in Giappone i primi test di recupero offshore Diffusi negli Stati Uniti i positivi risultati di un esperimento di estrazione di metano dagli idrati marini, ...
Eventi e servizi
49° Convegno internazionale AiCARR Edifici di valore storico: progettare la riqualificaizone. Una panoramica dalle prestazioni energetiche alla qualità dell'aria interna. A Roma il 26-28 febbraio 2014
GNL, un'alternativa energetica efficiente e conveniente Il Gas naturale liquefatto è una fonte energetica ideale per le imprese non allacciate alla rete del metano con un significativo fabbisogno energetico. Per scoprirne le potenzialità, scriviti al webinar gratuito online il prossimo 17 dicembre 2013
Energia del Vento Tecnica, normativa, ambiente e mercato dell'eolico. Un libro a cura di Luciano Pirazzi, segretario scientifico dell'Anev, che indica le potenzialità ancora inespresse nel nostro Paese
Restart-Costruire sul costruito Un roadshow organizzato da Brianza Plastica con il Gruppo 24 ORE focalizzato sul recupero dell'esistente in chiave energetica. Da marzo a giugno 2013, da Milano a Napoli

New Business Media

New Business Media Srl. Tutti i diritti riservati.

Sede legale Via Eritrea 21 - 20157 Milano - Codice fiscale, Partita IVA e Iscrizione al Registro delle imprese di Milano: 08449540965