Cerca powered by Google

Energy Manager News

Rinnovabili al top nel 2011: è loro il 71% della nuova potenza installata
Rapporti
Rinnovabili al top nel 2011: è loro il 71% della nuova potenza installata
Boom delle fonti alternative in Europa, grazie soprattutto al fotovoltaico, mentre l'energia del vento ha tenuto il passo del 2010
14 Febbraio 2012
Il 2011 è stato l'anno delle fonti rinnovabili nel Vecchio continente. Nel suo ultimo rapporto l'Ewea (European wind energy association), oltre ad analizzare l'evoluzione dell'eolico nel Vecchio Continente, ha fatto il punto su ttutto il comparto delle energie pulite. Così, si scopre (o meglio, viene confermato) che se l'eolico ha tenuto il passo del 2010, il fotovoltaico ha segnato un consistente incremento.
L'Europa ha visto oltre 9.600 MW di nuova potenza installata nelle fattorie del vento, in linea con la capacità aggiunta nei dodici mesi precedenti. Bisogna però guardare le rinnovabili nel loro complesso per apprezzare la portata degli investimenti nell'economia verde: eolico e solare, con l'apporto molto più ridotto delle altre tecnologie come le biomasse, hanno costituito il 71% di tutta la potenza installata nel 2011, 32.000 MW su quasi 45.000. Alle fonti tradizionali (carbone, gas, nucleare, olio combustibile) è rimasto così meno del 30% della torta energetica.

Finora non si era mai verificata una crescita così sostenuta per le fonti alternative, +37,7% in confronto al 2010. Al primo posto per potenza aggiunta in Europa nel 2011 troviamo quindi il fotovoltaico con 21.000 MW e il 47% del totale; in seconda posizione il gas con 9.700 MW e il 22% della torta, appena davanti all'eolico con i suoi 9.600 MW che valgono il 21% del mix. Il carbone si è dovuto accontentare di poco più di 2.000 MW e una quota pari al 5%; tutte le altre fonti, dalle biomasse al nucleare passando per l'idroelettrico, la geotermia e così via, hanno conquistato percentuali prossime allo zero. Il nucleare, in particolare, ha dismesso circa 6.000 MW dalle sue centrali europee. L'Ewea, però, evidenzia anche che il carbone ha introdotto per il secondo anno consecutivo più potenza di quella dismessa. È quindi urgente, secondo quanto vorrebbe la lobby del vento, che Bruxelles stabilisca di ridurre del 30% le emissioni di CO2 nel 2020, bloccando tutti gli incentivi a questa fonte fossile.

Il cammino delle rinnovabili è stato senza sosta, considerando che nel 2000 la nuova capacità installata era pari a 3.500 MW, il 20% circa del totale; ora siamo quasi a dieci volte tanto. Osservando la potenza disponibile oggi in Europa (oltre 891.000 MW), l'eolico presidia una fetta da quasi 94.000 MW, il 10% circa del parco complessivo degli impianti; undici anni fa era appena al 2% del mix della produzione elettrica. Il Vecchio continente ha investito 12,6 miliardi di euro nel 2011 nelle nuove centrali del vento. In Germania si è concentrato il 22% degli impianti entrati in funzione lo scorso anno per complessivi 2.000 MW; a seguire la Gran Bretagna con il 13% del mercato e quasi 1.300 MW, grazie soprattutto allo sviluppo delle turbine offshore. In terza posizione la Spagna con un migliaio di MW, di poco davanti all'Italia con 950.
Novità
Energy Manager News: tutta l'informazione che serve a chi lavora con l'energia

Questo sito si presenta con una nuova denominazione che ci ...

Europarlamento24 EPeople

Con il supporto del Parlamento europeo
Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione Europea nel contesto del programma di sovvenzione del Parlamento Europeo per la comunicazione. Il Parlamento Europeo non ha partecipato alla sua preparazione e in nessun caso è responsabile o vincolato per le informazioni contenute e le opinioni espresse nel contesto del progetto.
In accordo con la legge vigente, gli unici responsabili sono gli autori, le persone intervistate, gli editori o i soggetti di trasmissione. Il Parlamento Europeo non può essere ritenuto responsabile per gli eventuali danni diretti o indiretti che possono scaturire dall'implementazione del progetto.
Vademecum
È disponibile la nuova guida Enea sui Certificati Bianchi Uno strumento che consente agli operatori di presentare proposte corrette per l'ottenimento degli ...
Interventi
La rete elettrica europea alla ricerca di un nuovo equilibrio Un articolo di Franco Rosatelli, di Ansaldo Energia, in vista dell'evento POWER- GEN Europe 2014 che si terrà ...
Vademecum
Risparmiare energia e denaro con solare termico e geotermia Scarica la guida di Mce che spiega cosa sono queste tecnologie e consiglia le scelte più adatte per il loro ...
Case history
Edison Energia gestisce con l'outsourcing i clienti della Pa Dal 2012 Edison Energia ha scelto C-Global, del Gruppo Cedacri, per occuparsi dei processi e delle relazioni ...
Istanze
Fotovoltaico: lettera aperta dalle associazioni al Governo Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta, già pubblicata sul quotidiano La Repubblica il 28 gennaio, con la ...
Nuove frontiere
Gas dagli idrati: in Giappone i primi test di recupero offshore Diffusi negli Stati Uniti i positivi risultati di un esperimento di estrazione di metano dagli idrati marini, ...
Eventi e servizi
49° Convegno internazionale AiCARR Edifici di valore storico: progettare la riqualificaizone. Una panoramica dalle prestazioni energetiche alla qualità dell'aria interna. A Roma il 26-28 febbraio 2014
GNL, un'alternativa energetica efficiente e conveniente Il Gas naturale liquefatto è una fonte energetica ideale per le imprese non allacciate alla rete del metano con un significativo fabbisogno energetico. Per scoprirne le potenzialità, scriviti al webinar gratuito online il prossimo 17 dicembre 2013
Energia del Vento Tecnica, normativa, ambiente e mercato dell'eolico. Un libro a cura di Luciano Pirazzi, segretario scientifico dell'Anev, che indica le potenzialità ancora inespresse nel nostro Paese
Restart-Costruire sul costruito Un roadshow organizzato da Brianza Plastica con il Gruppo 24 ORE focalizzato sul recupero dell'esistente in chiave energetica. Da marzo a giugno 2013, da Milano a Napoli

New Business Media

New Business Media Srl. Tutti i diritti riservati.

Sede legale Via Eritrea 21 - 20157 Milano - Codice fiscale, Partita IVA e Iscrizione al Registro delle imprese di Milano: 08449540965